Tag: traffic

2 May | 2015
DTAP7HGG5632-kBEG-U105024727939LtH-700x394@LaStampa.it

Cronaca di un primo maggio

Il mio primo maggio comincia in treno, direzione Milano.

Arrivato in zona Porta Romana mi sembra di vedere il primo episodio di The Walking Dead. Il traffico semplicemente non esiste e il clima uggioso non è segno di un buon presagio.

Continua a leggere

27 Jan | 2015
dubai-traffic-jam

Mi piace pensare

L’Italia è un paese curioso. È il paese in Europa dove la benzina costa di più, dove la crisi ormai blocca tutta l’economia e dove fare cento chilometri di autostrada costa più o meno quanto andare a cena al ristorante di Cracco.

Eppure siamo anche il paese europeo con più auto procapite, 61 auto ogni cento persone per l’esattezza.

Mi piace pensare che noi Italiani compriamo così tante auto perché siamo degli amanti dei motori, amiamo guidare e perché abbiamo delle strade e dei paesaggi favolosi.  In realtà è perché il trasporto pubblico non funziona o funziona molto male, andare in bici nel 90% delle città equivale a finire spalmati sulla prima Audi A4 che incontri e perché siamo dei consumisti.

Io sono auto-dipendente, la uso per fare 500 km come per fare 500 metri e soprattutto odio i mezzi pubblici. Ma ci sono due cose che odio ancora di più: le zanzare di Pavia e il traffico di Milano. La velocità media del traffico nelle ore di punta è più bassa di due volte e mezzo rispetto a quella del 1920.

Durante la Fashion week di settembre ho guidato dalla mattina alla sera nel traffico e nel caos, e per quanto ami guidare, in quei giorni avrei preferito tirarmi una martellata sull’alluce.

L’unica cosa che mi piacerebbe guidare nel traffico sarebbe un monopattino elettrico.

Negli ultimi anni però anche qui sono arrivati metodi pratici, efficienti ed economici per spostarsi; come Car2Go ed Enjoy per la città o il BlaBla Car per i lunghi viaggi. Volendo ci si può spostare anche con le bici rischiando la vita.

Mi piace pensare che posso smettere quando voglio di essere dipendente dalla mia auto e dalla mia musica a manetta mentre guido, e che non sarebbe un problema per me andare in giro in autobus o in bici (in Olanda amavo andare in giro in bici), ma la verità è che sono quel tipo di italiano poco ecologico e poco efficiente che ama la propria auto e odia i mezzi pubblici.

E dato che se superi di appena 0,07 il livello di tolleranza al test del palloncino si prendono il tuo bel tesserino rosa per un po’, posso solo dire che mi mancherà guidare, la mia musica e tutto il resto.

Evviva gli autobus e le biciclette.