24 Mar | 2014
jrgulinelli
Kia e-bikes_001.jpg

Kia: dalle origini al futuro… in bicicletta

Kia: la casa automobilistica Sudcoreana ha un passato profondamente legato al mondo della bicicletta. Fondata nel 1944 la firma asiatica iniziò proprio producendo, a mano, tubi d’acciaio e componenti per biciclette.

Questa vena cilcistica provenente dalle sue origini ritorna anche nel futuro KIA. La firma asiatica fa infatti un nuovo passo in avanti verso la mobilità ecologica svelando (al Salone di Ginevra, insieme alla versione europea della Soul EV) due prototipi di veicoli a zero emissioni, e naturalmente a pedali, denominati Elecrit Bicycle (KEB), uno City e l’altro Mountain Bike.

Disegnata e sviluppata dal team Venture Business Developement di Kia presso il centro I+D di Namyang (Corea), la bicicletta elettrica KEB si distingue per un avanzato telaio monoscocca metallico. Questo sembra realizzato in fibra di carbonio ma in realtà è costruito mediante un processo di stampa avanzato e con saldature robottizate.

E gli standard di controllo di qualità di queste due biciclette sono fissati a livelli paragonabili a quelli dell’industria automobilistica. Oltre a essere compatibile con l’uso di diversi metalli (alluminio, acciaio ad alto limite elastico e acciaio inossidabile), questo metodo ha lasciato particolare libertà di design agli ingegneri.

Le linee originali, soprattutto della city bike elettrica, stilizzano in maniera molto riconoscibile il design della vetture Kia, ricordando molto, per le linee squadrate, la Soul, mentre gli angoli morbidi della forcella posteriore ricalcano le linee della griglia frontale tipica delle Kia (ad esempio Cee’d).

Entrambe le versioni, City e MTB, sono alimentate dallo stesso sistema di propulsione e dalla stessa batteria. Ad un peso di circa 20 kg corrisponde una velocità massima di 25 km/h.

Continua a leggere

12 Mar | 2014
jrgulinelli

BMW Bikes: aria di Primavera con la collezione 2014

L’esperienza di BMW nella produzione di biciclette non è da meno rispetto alla sua imponente presenza nel mondo dell’automotive. Non sorprende vista la grande capacità del marchio bavarese di mettere insieme alta qualità e design esclusivo su tutto ciò che si muove su ruote, che siano quattro o due… Proprio in questi giorni la firma di Monaco ha svelato la nuova collezione di biciclette 2014. Caratterizzato dal “collo di toro” il telaio di queste due ruote a pedali imita il design di una moto, stilizzando il contorno di un serbatoio “virtuale”. Rispetto alla vecchia gamma delle BMW Bikes, queste che arriveranno in primavera saranno migliori delle precedenti anche per le linee e le saldature del telaio più soavi, e per i cavi, di freni e cambio, tutti nascosti all’interno dei tubi. Ci saranno novità anche per i componenti firmati dai marchi d’elite del settore come Shimano (cambio e freni), Suntour (forcella e ammortizzatori), Continental (pneumatici) e Fizik (selle). Cruise e-bike.

Continua a leggere

19 Feb | 2014
jrgulinelli
Porsche Bike

Porsche Bikes: l’esclusività di Stuttgart, a pedali

Sportività, piacere di guida e prestazioni: le caratteristiche che descrivono a pieno i prodotti Porsche valgono tanto per le quattro ruote come per le due ruote. Il marchio di Stuttgart ha presentato tre nuove biciclette di lusso: una city bike, un’ibrida e una mountain bike. (rispettivamente le Porsche Bike, RS Bike e Bike RX).

Continua a leggere

29 Jan | 2014
jrgulinelli

La pedalata assistita “onesta”…

Un ciclista purosangue quando vede una bici elettrica storce il naso… come dire “così però non vale”.

Io sono un pò diviso in due, nel mio sangue anche i globuli rossi pedalano e le nuvolette della mia mente sono sempre a forma di montagne da scalare a suon di pedalate. Però neanche mi viene da storcere il naso se qualcuno si fa aiutare da una pedalata assistita…

Tanto meno da un mezzo elettrico che non nuoce a nessuno e rende felice chi lo guida o cavalca. E ancora meno se l’energia che aiuta a pedalare proviene sempre dalle gambe, riciclata. Quindi a me questa invenzione, tanto geniale quanto semplice, piace. Magari, però, io la utilizzerei tra qualche anno quando ormai avrò dato tutto…

Si chiama “Copenaghen Wheel” ed è un nuovo marchingegno che, forse, potrebbe proporre una maniera in più di usare la bicicleta ogni giorno, senza complicazioni di installazione o di uso. Continua a leggere

17 Jan | 2014
jrgulinelli
The limited edition Montante for 8CTF Maserati bike

Bici o Auto? Due Maserati in Garage…

Si parla abbastanza di bici? no. Si va abbastanza in bici? se sei un vero adoratore della bicicletta sai bene che di pedalare non ne hai mai abbastanza. C’è un mezzo migliore della bici? io non lo trovo. Ok, si, sono un fanatico delle due ruote a pedali.

E’ che è più forte di me. Io la bici la guardo, e penso che è un oggetto innocuo, per questo mi piace. Non solo innocuo, ma fa anche del bene. E’ equilibrio e armonia. Quanto è innocua e produttiva un’ora di bici, magari al mattino per andare al lavoro? Quanto è, invece, violenta e improduttiva un’ora di macchina (nel traffico), magari sempre quella mattina per andare a lavoro? Continua a leggere