20 Mar | 2016
francescoirace

MotoGP 2016, Qatar: dov’è la rivoluzione?

Cambiano gomme ed elettronica, ci si aspetta la tanto annunciata rivoluzione, ma alla fine i valori in pista restano gli stessi.

È questa la riflessione che mi viene da fare a caldo subito dopo il primo round della MotoGP 2016.

In Qatar Jorge Lorenzo è stato il più veloce e il più in forma. Marquez, a dispetto di quanto si diceva fino a qualche settimana fa, ha risolto i problemi con la Honda ed è stato molto competitivo.

Valentino Rossi tutto sommato era lì: probabilmente ha pagato una scelta della gomma (la stessa dura posteriore di Marquez tra l’altro) che non gli ha dato il feeling sperato; “Mi è mancato il guizzo”, ha poi dichiarato nel post-gara.

Ma anche Dovizioso e Iannone (caduto poi a metà gara), come da programma, sono stati velocissimi; anche lo scorso anno finirono sul podio insieme al dottore.

Pedrosa, invece, a Losail non ha mai brillato. Insomma, tutto abbastanza prevedibile. Tutte considerazioni che però non devono suonare come conclusioni. È sempre la prima gara dell’anno…

Cosa mi è piaciuto di questo weekend di gare

Mi è piaciuta la straordinaria performance di Lorenzo, un martello ormai sempre più preciso e spietato.

Sono stato felicissimo di vedere Dovizioso sul secondo gradino del podio: mi piace molto come pilota e apprezzo tanto, ma veramente tanto, la sua umiltà e la sua educata pacatezza. Mi è piaciuta la gara della Moto3, vinta da Niccolò Antonelli.

Cosa non mi è piaciuto di questo weekend di gare

Non mi è piaciuto l’atteggiamento di Jorge Lorenzo: né in occasione del diverbio in pista con Valentino Rossi nel corso delle libere (al di là delle colpe più o meno concrete, poteva reagire diversamente), né quando è arrivato nel parco chiuso dopo la vittoria mimando il gesto tutto da interpretare “bocca cucita”.

Non mi è piaciuto il battibecco in Moto3 nel dopo gara tra Fenati e Bulega. E, soprattutto, dopo quanto accaduto lo scorso anno, mai mi sarei aspettato che la direzione gara potesse riproporre un teatrino imbarazzante (in Moto2).


Commenta su Facebook

Commenta sul sito

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi usare questi codici HTML nel tuo commento: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>